LA NOSTRA STORIA

Articoli Recenti


Raduno Selecao Sacerdoti Calcio al villaggio Casa in Maremma

26/02 ORE 14.00 CONVOCAZIONE AL VILLAGGIO CASA IN MAREMMA LOC CASTELLINA SCARLINO SCALO ORE 15.30/17.30 ALLENAMENTO ORE 18.30 RIUNIONE TECNICA ORE 20.00 CENA

Leggi tutto...

Raduno Modena – Nazionale Italiana Calcio Amputati

Si è concluso a Corlo di Formigine il primo raduno della nuova squadra, molti nuovi sacerdoti insieme ai vecchi, per formare questo nuovo gruppo, entusiasmo alla fine e obbiettivo raggiunto.. un grazie a tutta la squadra della Nazionale Calcio Amputati, lo staff con Renzo, Paolo ed Emiliano per l’accoglienza ricevuta,…

Leggi tutto...

7° Torneo Nazionale della Solidarietà

Nella splendida cornice della Maremma presso il Villagio Turistico Casa In Maremma dal 1/3 Giugno la 7° edizione del Torneo Nazionale della Solidarietà dove molte Nazionale si contenderanno il Trofeo finale denominato “Memorial Paolo & Gabriele Bondani” all’insegna dell’amicizia e della solidarietà. Il progetto dopo il campo di “Calcio a…

Leggi tutto...

Pensieri alla Selecao

La preghiera di Don Felice Riva

Gioco per te Signore,
la grandezza della erezione dell’uomo,
la sana competizione sportiva
nel rispetto dell’avversario,
degli spettatori e dei tifosi.
Gioco per te, Signore
per affermare nel mondo
i valori dello sport
che ci rendono fratelli
e superano le barriere
della guerra e del razzismo.

Gioco per te, Signore
perché il clamore dei goals
si trasformi in grida d’amicizia
e la squadra avversaria
diventi ultra nella fede.

Gioco per te Signore
nella lealtà, nel silenzio,
nella sincerità
e già pregusto, con il tuo aiuto
la gioia di una vittoria
cristiana, schietta e genuina.

Don Felice Riva ai suoi ragazzi

 

Lettera di Don Antonio Mazzi

Al Mister della Selegao Sacerdoti Calcio, Moreno Buccianti e tutti f preti calciatori.
Da piccolo volevo fare il Papa.
Da adolescente volevo fare il musicista.
Da giovanotto mi piaceva il calcio.
Da grande ho fatto il prete-tifoso.
Avevo tutte le qualità per fare qualsiasi mestiere, anche il ladro.
Se sono finito prete è stata “una giocata” da fantasista fatta dal Padreterno, in una giornata spero di sole.
Attorno al tavolo c’era il mìo preside. Mia mommo e mìo nonno socialista. Li ha fatti secchi tutti!
Giocare è un’arte, suppone intelligenza, creatività, armonia, forza, magia.
Nella società del tutto preconfezionato, dell’organizzazione asfissiante, del successo pilotato, ci resta solo il campo di gioco come luogo di eventi impensati, stravolgenti, divinatori, fatati.
Tra gli eventi impensati metto anche i miei amici della Selecao Intemazionale Sacerdoti Calcio o “la formazione dei Don”, un’associazione composta da sacerdoti italiani e di altri paesi con la passione per il calcio e che usa il seguente motto: “11 sacerdoti che giocano da… Dio”…

Il gruppo di preti atleti mi ha fatto dono di una sgargiante maglia gialla con la scritta “Antonio Mazzi”, come le divise che indossano i campioni.

Non posso scendere in campo con loro ma di sicuro tiferò per la vittoria tutte le volte che lo faranno loro.

Don Antonio Mazzi D.G Selecao Sacerdoti Calcio